ristrutturazione casa

Cosa dice dott. Google?

Oggi il mio gatto miagolava disperatamente, si rotolava per terra, tremava e non riusciva a stare in piedi.

Io non sono un veterinario, però era evidente che c’era un problema e probabilmente anche abbastanza serio.

Ho fatto quello che non andrebbe mai fatto: googolare i sintomi.

Il risultato della ricerca è che il mio gatto poteva essere in una delle seguenti situazioni:

  • stava morendo;
  • era innamorato;
  • stava trasformandosi in un gatto mannaro;
  • aveva solo fame.

La googlata non mi ha aiutato, anzi…. colto da una estrema confusione ho fatto l’unica cosa sensata per questi casi: mi sono rivolto a un esperto. Sono andato quindi di corsa dal veterinario.

Il veterinario ha analizzato il problema, ha capito quale era la strategia per risolverlo, me l’ha illustrata ed abbiamo quindi concordato di procedere.

Semplice, rapido ed indolore.

Ora sono tornato in studio, so che il mio gatto è “sotto i ferri”, ma mi sento abbastanza sereno, perché so che è nelle mani di un esperto di cui mi fido.

Cosa impariamo da questo?

Questo episodio mi ha fatto pensare a tutte le volte in cui le persone arrivano a noi dopo aver perso ore a googolare, ragionare, parlare con amici su problemi che hanno in casa.

Magari hanno anche ipotizzato mille possibili interventi, ma sono poi andati in confusione perché non sanno se questi saranno risolutivi o meno.

In queste situazioni bisogna fermarsi, fare un bel respiro e:

  1. contattate un esperto;
  2. definire una strategia di intervento
  3. implementare la strategia

Quindi non perdere altro tempo googolando, ma scopri subito qual è la strategia giusta per il tuo caso con ‘Incontro Valutativo‘.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *