incentivi fiscali per efficienza energetica

Posso avere l’incentivo fiscale per la riqualificazione energetica?

C’è un episodio per la serie “meglio tardi che mai” che voglio raccontarvi.

La telefonata che non ti aspetti

Una sera mi squilla il cellulare, rispondo ed è una conoscente che mi dice “Senti Isaac, ma se io isolo il tetto posso avere accesso agli incentivi per l’efficienza energetica? Scusa se ti disturbo ma il tecnico che mi sta seguendo non ne sa nulla”.

Io le ho spiegato le cose principali da sapere, ovvero:

  • bisogna rispettare dei requisiti minimi di trasmittanza, che in altre parole significa che non basta “un po’ “ di isolante, ma c’è un livello minimo da rispettare
  • è necessario pagare con bonifico specifico per efficientemento energetico
  • si deve essere in regole con le pratiche comunali e la sicurezza
  • dopo la fine lavori bisogna presentare una pratica telematica all’ENEA
  • per alcune casistiche di interventi (tra le quali l’isolamento del tetto) è necessario eseguire la certificazione energetica a fine lavori.

Ho concluso poi l’esposizione chiedendo: “quando pensate di fare i lavori?”

“Li stiamo già facendo, abbiamo quasi finito” è stata la risposta.

Non ci volevo credere..

Questa persona stava spendendo circa 30’000€ senza ancora sapere se avrebbe potuto sfruttare l’incentivo fiscale… che nel caso specifico vuol dire una differenza di quasi 20’000€!

Ognuno può gestire i propri soldi come meglio crede, ma buttarli dalla finestra mi sembra un peccato. Avrei parecchie idee migliori su come spenderli!

E la cosa che mi ha lasciato forse ancora più allibito è che il suo tecnico di fiducia non si sia preoccupato di fare un minimo di approfondimento… un conto è non sapere le cose, un altro è non cercare di fare il meglio per i propri clienti.

Come è andata a finire…

Per la cronaca la storia poi è andata a finire bene, fortunatamente il pacchetto rispettava i requisiti, gran parte dei pagamenti era ancora da fare e quindi siamo riusciti a farle ottenere l’incentivo fiscale.

Questo episodio conferma come sia fondamentale avere fin da subito un quadro chiaro e preciso di quali siano gli obiettivi e come si intenda raggiungerli.

E come i tre errori individuati nel nostro report siano veramente da evitare come la peste!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *