trailrunning brescia

Cosa hanno in comune il trail running e la ristrutturazione?

Una delle mie passioni è il Trail Running, la corsa sui sentieri di montagna e collina.

Ogni anno cerco di partecipare ad una gara che si svolge nella mia città con un percorso che mi piace particolarmente e si snoda dal cuore di Brescia (dalla fossa viscontea del castello) e fin su tutto il Monte Maddalena.

Anche quest’anno ho deciso di partecipare, nonostante non fossi riuscito ad allenarmi al meglio, ponendomi un semplice obiettivo: arrivare al traguardo divertendomi e senza soffrire troppo.

Come preparare una gara senza l’adeguato allenamento

Il mio obiettivo era quindi molto semplice e riformulabile in: “voglio riuscire ad attraversare il traguardo senza trascinarmi sui gomiti”.

Il problema però era come riuscirci senza essermi ben allenato nelle settimane prima.

Ho pensato di applicare al trail running lo stesso approccio che applico quotidianamente alle ristrutturazioni: una volta definito l’obiettivo bisogna elaborare una strategia per raggiungerli.

Ho quindi analizzato il percorso a tavolino. Sulla base di questa analisi ho definito il ritmo da tenere nelle varie parti della gara, ho ragionato su come gestire i ristori e sull’attrezzatura da portare con me. E poi il giorno della corsa ho messo in pratica tutto quanto avevo pianificato.

Come è andata a finire

Alla fine sono riuscito ad arrivare al traguardo senza alcuna sofferenza (o meglio, con la sofferenza “giusta” per una gara di questo tipo) e praticamente con lo stesso tempo dell’anno scorso, quando ero molto più allenato.

Questo piccolo episodio è la dimostrazione che a volte non conta solo quante “risorse” si abbiano, ma piuttosto come si riescano ad utilizzare quelle disponibili. E per utilizzare al meglio le risorse è fondamentale pianificare bene ciò che si sta per fare.

Non vi dico poi la soddisfazione di superare negli ultimi km della gara persone che all’inizio mi sfrecciavano davanti, sprecando così le loro risorse.

Passiamo dal podismo alle ristrutturazioni

Questa esperienza mi ha fatto riflettere su quanto sia corretto il ragionamento: parti dagli obiettivi, definisci la strategia e poi agisci.

E’ vero nel trail running, dove le risorse sono l’allenamento, i ristori e la gestione del ritmo, ma è ancora più vero nelle ristrutturazioni dove le risorse sono tempo e budget.

Spesso quando le persone iniziano a ristrutturare hanno risorse apparentemente più che sufficienti per fare ciò che vogliono. Poi però a causa di una scarsa definizione della strategia e di una progettazione troppo “di massima” devono in corso d’opera cambiare qualcosa. E ogni cambiamento fatto durante i lavori comporta spreco di tempo e denaro.

Per questo il mio invito rimane sempre lo stesso: se vuoi ristrutturare casa anzitutto definisci la strategia. Il resto verrà come naturale conseguenza.

Se vuoi puoi utilizzare il nostro servizio Incontro Valutativo, il primo appuntamento dal vivo con un tecnico specialista che utilizza il “Metodo del Quadro Logico” per definire la strategia per la tua ristrutturazione

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *